Emily in Paris – tanti clichè e poco glamour

Per inaugurare ufficialmente Uova da Tiffany, la categoria che si occuperà di moda, TdU ha deciso di parlare di Emily in Paris.

Emily da Chicago a Parigi

Nella prima stagione la protagonista Emily Cooper, interpretata dalla deliziosa Lily Collins, si trasferisce da Chicago a Parigi. Pur non conoscendo una parola di francese, viene pagata per lavorare in un lussuoso ufficio stampa, che la sua azienda di marketing ha appena acquisito. Emily si conferma la cugina meno glamour di Carrie Bradshaw, anche perché il creatore Darren Star, è lo stesso autore della serie cult di HBO. Ovviamente nell’era dei social, la ragazza appena sbarca nella Ville Lumière si trasforma anche in influencer, grazie al suo instagram “Emily in Paris”.

I tanti cliché di Emily in Paris

Emily super precisina, come un’allieva di Blair Waldorf, si presenta il primo giorno di lavoro indossando una camicetta con la stampa della Torre Eiffel, rendendosi ridicola agli occhi dei nuovi colleghi. La protagonista, fin dall’inizio, mostra gli stereotipi cinematografici e televisivi per eccellenza dell’americana a Parigi. Emily in Paris quindi appare una serie piena di cliché e non si può dar torto a chi la critica.

Emily a Parigi che beve una bevanda però di Starbucks

La moda di Emily in Paris

Gli abiti di Emily vengono definiti “fuori moda”, ma in verità è un effetto voluto, per massimizzare uno stile vistoso e sopra le righe, scelto apposta da Patricia Field, per mostrare ” il buon gusto americano” un po’ pacchiano. L’ex costumista di Sex and the City, Ugly Betty e dell’iconico Il Diavolo veste Prada, crea per Mademoiselle Cooper il giusto mix di firme francesi come Chanel con giovani designer più ricercati, anche se il più delle volte risulta troppo esagerato.

Se siete amanti del vero e puro stile francese, Emily in Paris vi piacerà, ma per i look di Sylvie, l’elegantissima capa di Savoir e per Camille, l’amica bionda e parigina.

3 look da copiare

Tra tanti cliché e molta moda vista e rivista, però Emily in alcune occasioni ha indossato look da sogno. Io ne ho scelti tre per voi.

The yellow dress

L’outfit giallo firmato Ganni, non è realmente un vestito ma una canottiera abbinata ad una gonna della stessa fantasia, con una cintura nera che le unisce.

Pretty in pink

Uno dei capi di abbigliamento, che più invidio, di Emily è il suo cappotto firmato Kenzo rosa shocking o anche Schiaparelli per stare a tema parigino.

Come Audrey Hepburn

Per concludere grazie anche alla classe della sua interprete, l’attrice Lily Collins, che da un lato la ricorda fisicamente, Emily indossa un abito nero di Christian Siriano che è un vero omaggio a Audrey Hepburn in Cenerentola a Parigi.

Questa serie rom-com è composta, per ora, da due stagioni e la seconda è disponibile da oggi su Netflix. Quindi tirate fuori dall’armadio il vostro basco, perché è ora di tornare in Francia per seguire le avventure inverosimili di un’americana in trasferta.

Simona Adele Tavola